印刷する Condividi

Parola d'esperto

Investire sul cambiamento climatico

Intervista a Simon Webber, gestore del fondo Schroder ISF* Global Climate Change Equity

26/09/2018

Tracciando un bilancio dell'andamento del fondo negli ultimi 12 mesi, quali sono ora le prospettive? Cosa vi aspettate adesso?

È un momento molto interessante per investire sul cambiamento climatico. Alcune tecnologie cruciali in questo ambito, come le energie rinnovabili e lo stoccaggio di energia tramite batteria, sono diventate estremamente competitive rispetto ai combustibili fossili, anche senza sovvenzioni. Si tratta di un punto di svolta fondamentale, che stimolerà l’adozione di queste tecnologie e una crescita più rapida per questi settori. In particolare, riteniamo che la diffusione dei veicoli elettrici sarà esponenziale e richiederà un rapido sviluppo della capacità produttiva per soddisfare la domanda. Siamo quindi molto ottimisti riguardo alle prospettive delle aziende che contribuiranno a gettare le fondamenta dell'economia low-carbon.

Dove intravedete i rischi maggiori?

Ogni volta che vi è una tendenza molto chiara, come per i veicoli elettrici, vengono attratti nuovi player. Ci aspettiamo quindi che la concorrenza si intensifichi a mano a mano che la transizione prosegue e i nuovi operatori si contendono quote di mercato con quelli già esistenti.

Dove, invece, le occasioni migliori? Come vi muoverete per coglierle?

Cerchiamo aziende di qualità con buone prospettive di crescita ma attive in settori nei confronti dei quali il mercato nutre dei timori. In questo momento un esempio perfetto è l'industria delle turbine eoliche. Si tratta di un settore consolidato con elevate barriere all'ingresso; tuttavia, alcune temporanee pressioni sui margini hanno allarmato i mercati, spingendo le valutazioni su livelli bassi. Inoltre, guardiamo con estremo interesse a diverse opportunità nel settore agricolo: riteniamo infatti che il punto più basso toccato dai profitti in questa industria sia alle spalle, dopo alcuni anni difficili di prezzi bassi dei prodotti agricoli.

Leggi tutto

0 pagine | 158 kb

DOWNLOAD